Coerentemente con l'impegno continuo della SS Lazio Atletica Leggera ASD di offrire i migliori servizi ai propri atleti registrati, abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

2018 DivisaUfficiale

TESSERAMENTI 2018

È aperta la campagna tesseramenti con la S.S. Lazio Atletica Leggera 2018!

Nuovo o Rinnovo  € 90.00
   
 Pagamento:  Bonifico: IBAN IT93D0503403256000000901900 
 Causale:  Tesseramento 2018 Nome Cognome
 Beneficiario  S.S. Lazio Atletica Leggera
  • 1° TESSERAMENTO
  • Riservato ai nuovi tesserati ed a chi nel 2017 non era tesserato con altre società
  • € 90
  • La quota comprende il tesseramento FIDAL per il 2018 ed il completino ufficiale Macron "aquila stilizzata" realizzato in partnership con la S.S. Lazio
  • Tasse FIDAL incluse
  • ISCRIVITI
  • RINNOVO ANNUALE
  • Riservato a chi nel 2017 era già tesserato con la S.S. Lazio Atletica Leggera
  • € 90
  • La quota comprende il tesseramento FIDAL per il 2018 ed il completino ufficiale Macron "aquila stilizzata" realizzato in partnership con la S.S. Lazio
  • Tasse FIDAL incluse
  • ISCRIVITI
  • TRASFERIMENTI
  • Riservato a chi nel corso del 2017 era già tesserato con altre società
  • € 90 *
  • La quota comprende il tesseramento FIDAL per il 2018 ed il completino ufficiale Macron "aquila stilizzata" realizzato in partnership con la S.S. Lazio
  • * oltre la tassa FIDAL di trasferimento
  • ISCRIVITI

News

“La maggior parte delle persone corre una gara per vedere chi è più veloce, io corro una gara per vedere chi ha più coraggio.” (Steve Prefontaine, uno dei più grandi mezzofondisti statunitensi degli anni Settanta).

La Cronoscalata al Tuscolo - “Memorial Luca Foligni” è una gara podistica competitiva che si svolge in periodo primaverile a Frascati. La partenza è ubicata alle pendici del colle che porta all’anfiteatro romano del Tuscolo, uno dei siti archeologici più importanti del Lazio. La gara è tutta in salita, dal primo all’ultimo centimetro di strada, e si snoda, per 4 km e 345 metri sulla strada provinciale 73b, che per l’occasione viene completamente chiusa al traffico. Quel che è importante rimarcare di questa gara è il percorso naturalistico che la connota: si corre riparati dalle fronde di un boschetto e, ad ogni curva si sale sempre più in alto. Soprannominata da molti “la gara nella gara” per la difficoltà del percorso e la preparazione atletica richiesta, quest’anno è giunta con successo alla seconda edizione.

Solitamente le partenze vengono date scaglionate in base al tempo di accredito comunicato in fase delle iscrizioni, ma questo 18 marzo si è deciso di partire tutti insieme, quasi in un intento solidaristico di dare il massimo di sé, uniti dalle condizioni metereologiche avverse. Ed invero, la gara è stata davvero tanto, tanto dura. Si è corso in salita dal primo all'ultimo centimetro di gara, sotto ad una pioggia incessante, gareggiando con gli altri, ma soprattutto con se stessi. Contro quel desiderio di mollare a pochi metri da ogni curva, nella speranza che diventasse più facile. E invece facile non lo è stato mai. Ma arrivare a terminare la gara così, raggiungere la cima, è anche più meritevole e soddisfacente. Una cordata di atleti, piccoli e grandi, si è snodata per un'impervia salita: chi raggiungeva gli atleti che rallentavano un po’, nel non facile sorpasso, li incitava a proseguire o accelerare; qualcuno rallentava per dare una mano a chi rimaneva indietro. Perché, anche se la gara era dura ed era prima di tutto una sfida lanciata a se stessi, si correva anche in memoria di Luca Foligni, un celebre atleta di Frascati scomparso nel 2012, ed ecco che la manifestazione assumeva subito un significato più nobile e alto e tutti correvano “assieme a tutti” e nessuno gareggiava “contro”.

Podio

E anche io, nei momenti più difficili della salita, quando le forze sembravano abbandonarmi sotto alla pioggia battente che non dava tregua, stroncando il respiro, mi aggrappavo all’insegnamento di Confucio - ”non importa, se stai procedendo molto lentamente; ciò che importa è che tu non ti sia fermato”, e, mettendo in fila un passo dopo l’altro, riuscivo a raggiungere il traguardo. Un ringraziamento particolare va al mio allenatore che ha corso in gara assieme a noi in memoria del suo amico e ha saputo incitare e sostenere ogni atleta della squadra a cui è riuscito a correre a fianco. Sopraggiungendo agli ultimi metri che ci dividevano dal traguardo, il suo grido: “vai Sandra, forza! Dai che dietro quella curva è finita!” mi ha sospinta in volata, facendomi guadagnare il 3° posto assoluto donne ( 26-a posizione assoluta su 50, uomini inclusi ), davanti alla giovanissima compagna di squadra, Eleonora Borzi.

Molti atleti della S.S. Lazio si sono distinti nell’impresa e ogni podio ha visto i nostri atleti. Mi riferisco agli agonisti che battono le piste assieme a me, come Mirko Cavassini, 4° assoluto - e battuto per appena 1 centesimo di secondo; Matteo Cuozzo - 7° posto di tutto rispetto, oppure ai giovanissimi Lucchetti Alberto – 5° assoluto e 1° di categoria e Caselli Giovanni – 8° assoluto e 3° di categoria, che hanno fatto loro il podio Juniores, ma anche Eleonora Borzi - 1a arrivata di categoria Allieve. 

Ma anche gli atleti più grandi ed esperti hanno dato il massimo: così Silvio Trivelloni si è classificato 3° assoluto tra gli uomini, mentre Marco Giovannucci e Angelo Taggi, rispettivamente 2° e 3° di categoria. Questa, tra l’altro, è stata la mia prima gara affianco ad Angelo e non posso non fare menzione dell’entusiasmo e dell’allegria che è in grado di rivelare questo atleta. Giocoso, entusiasta, grintoso e scalpitante: in riscaldamento, in gara, durante la premiazione, Angelo ha contribuito a tenere gli atleti della nostra squadra carichi e determinati dall’inizio alla fine.

E come dimenticare, infine, il ritorno in corsa al Parco dell’Ombrellino, esattamente sul il percorso di gara ma in discesa, in compagnia dei compagni di squadra e dell’allenatore, presi alla sprovvista da una grandinata improvvisa...

Vorrei concludere, pertanto, con la frase che penso centri in pieno la descrizione di questa memorabile giornata. L'ho sentita dire allo speaker durante la premiazione e ne rimasi colpita: "il tempo oggi è stato avverso, ma la corsa è anche questa. Avete corso comunque in numerosi e ho visto tanti giovani correre. Questo significa che ci sono ancora ragazzi che ci credono e vogliono fare sacrifici, e di questi tempi è lodevole e raro."

E dal canto mio, penso che la corsa vada esattamente "presa" e vissuta così.

Alex

Non solo running... A quasi due anni di distanza da quella prima incredibile chiamata a sorpresa che ci vide protagonisti insieme ad alcuni amici giornalisti nella sfida contro la nazionale dei magistrati sul campo centrale del centro sportivo di Formello (partita vinta da noi ai calci di rigore), si torna a correre dietro ad un pallone!

L'invito ci arriva dagli amici della Polisportiva dei Monti Cimini che in occasione del 26 maggio (eheheheh) hanno organizzato la 7a edizione del Memorial Patrizia Potenza, un triangolare ad inviti, molto soft e tranquillo con partita e terzo tempo nella cittadina viterbese di Vignanello. 

Così, chi volesse cimentarsi anche su un campo di calcio, può candidarsi ad un posto per questo evento, contattando il nostro responsabile (e Capitano) Walter Calicchia scrivendo una email ed indicando anche il ruolo generalmente preferito (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.libero.it). 

Il nostro Mister sarà Biagio Tocci ma... potremmo avere una piacevolissima sorpresa con un allenatore onorario speciale...

2018Vignanello

Poi... potrebbe essere occasione anche per creare un'altra iniziativa social della nostra Lazio Atletica che coviamo da qualche tempo: costruire alcuni gruppi di amici tesserati che alternativamente alle gare podistiche vogliano dar vita a qualche squadra di calciotto per divertirci e stare ancora più tempo insieme.

 

Oggi i ragazzi della scuola, accompagnati dai fantastici istruttori, Biagio Tocci, Fabrizio Cappabianca, Federica Evangelisti, Fabio Brescini e dall'immancabile segretario Stefano gaudio, sotto la supervisione di Antonio di Pompeo, responsabile della scuola, hanno partecipato alle Menneadi.

La manifestazione amatoriale non competitiva che si volge ogni anno in occasione della ricorrenza della scomparsa di Pietro Mennea, organizzata dalla Parrocchia di S. Prisca, in collaborazione con la Fidal, si pone come obiettivo quello di aggregare ed avvicinare i bambini ai valori autentici dello sport nel ricordo di un grande campione dell'atletica e nella vita.

Nonostante il tempo non fosse dei migliori, la giornata è iniziata con l'emozione delle Frecce Tricolori che hanno sorvolato lo stadio delle Terme di Caracalla in occasione dei 157 anni dell'Unità di Italia, la sfilata dei ragazzi con il tricolore che Mennea ha sventolato ai mondiali di Mosca nel 1980 accompagnata dal nostro Inno Nazionale hanno fatto il resto.

Ogni piccolo atleta si è poi cimentato nelle rispettive batterie ricevendo al traguardo la medaglia dalle mani di Manuela, la moglie di Pietro e poi tutti insieme nel campo con le maglie a formare un tricolore per la foto finale!Grazie a tutti coloro hanno contribuito a questa bella mattinata all'insegna dello sport e dell'amicizia!

Quando 2 anni fa ho iniziato a correre ho realizzato uno dei miei sogni... Farlo indossando con orgoglio la maglia che sento mia come una seconda pelle, per quei colori per i quali faccio il tifo fin da bambino. Ricordo ancora l’incontro con il Capitano (Fabrizio) per andare a ritirare la divisa di gara, ero emozionato come un bambino al lunapark. Già allora espressi il desiderio di fare qualcosa per "Assi Gulliver" ma non avevo la minima idea di come realizzarla. Assi Gulliver è un’associazione no profit che si occupa di una malattia genetica rara, la sindrome di Sotos. Ha lo scopo di porsi come riferimento per tutti coloro -genitori in primis- che si trovano di fronte ad una diagnosi che spaventa, a cui non si è preparati, per dare risposte e sostegno, per promuovere la ricerca scientifica sulla sindrome. Con questa semplice iniziativa di solidarietà ho il desiderio di restituire un po’ di quanto ricevuto. Il 29 aprile, in occasione del prossimo convegno a Genova, quando i bambini si sottoporranno al prelievo di cute da depositare presso la Biobanca della rete Telethon presso l’ospedale Galliera, mi piacerebbe consegnare i risultati di questa iniziativa, economici ma soprattutto emozionali!
Aiutatemi ad essere ancora più orgoglioso di indossare questi colori! Perché, come recita il motto che fecero proprio i nostri Padri fondatori 118 anni fa, “nell’unione le piccole cose diventano grandi!” ( concordia parvae res crescunt)
Emanuele, il papà di Sara


L'INIZIATIVA

Sono stati prodotti e realizzati degli asciugamani con il nostro logo e numerati da 1 a 150. Il costo di ciascun pezzo è di €12 e potrà essere ordinato direttamente da Emanuele al suo indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. indicando anche il numero desiderato ed in alternativa altri 2 numeri in caso di indisponibilità. 

A breve pubblicheremo i numeri rimasti disponibili.