Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

2018 DivisaUfficiale

TESSERAMENTI 2018

È aperta la campagna tesseramenti con la S.S. Lazio Atletica Leggera 2018!

Nuovo o Rinnovo  € 90.00
   
 Pagamento:  Bonifico: IBAN IT28F0311139242000000092571 
 Causale:  Tesseramento 2018 Nome Cognome
 Beneficiario  S.S. Lazio Atletica Leggera
  • 1° TESSERAMENTO
  • Riservato ai nuovi tesserati ed a chi nel 2017 non era tesserato con altre società
  • € 90
  • La quota comprende il tesseramento FIDAL per il 2018 ed il completino ufficiale Macron "aquila stilizzata" realizzato in partnership con la S.S. Lazio
  • Tasse FIDAL incluse
  • ISCRIVITI
  • RINNOVO ANNUALE
  • Riservato a chi nel 2017 era già tesserato con la S.S. Lazio Atletica Leggera
  • € 90
  • La quota comprende il tesseramento FIDAL per il 2018 ed il completino ufficiale Macron "aquila stilizzata" realizzato in partnership con la S.S. Lazio
  • Tasse FIDAL incluse
  • ISCRIVITI
  • TRASFERIMENTI
  • Riservato a chi nel corso del 2017 era già tesserato con altre società
  • € 90 *
  • La quota comprende il tesseramento FIDAL per il 2018 ed il completino ufficiale Macron "aquila stilizzata" realizzato in partnership con la S.S. Lazio
  • * oltre la tassa FIDAL di trasferimento
  • ISCRIVITI

News

È mattina presto, le 6:30, la sveglia suona con la "tromba militare", ho dormito tranquillo, mi preparo per andare a fare la mia quarta Spartan Race, dovevo partire con gli altri amici, ma alla fine decido di andare da solo, passo al bar colazione, avviso i baristi della corsa che mi aspetta, gli ho fatto una testa come un pallone nei giorni passati, poi all'alimentatore e mi faccio preparare due panini con la bresaola, salgo in macchina, giro il quadro e subito partono gli U2 così per iniziare bene, alzo il volume e mi "sparo" 400 km di auto. Arrivo a Misano, cerco subito il punto di partenza, in lontananza sulla spiaggia vedo gli atleti li seguo, arrivo e trovo centinaia di "Spartani" che si preparano, chi ha già finito la sua batteria, chi come me è ancora alla ricerca del banco per il ritiro del cip da gara, sembra un girone Dantesco, figuranti vestiti da soldati Spartani, fuochi con carboni ardenti, l'adrenalina sale come ogni gara. Mi preparo alla partenza della Spartan, ho la fascetta da Rambo in testa e maglia della Lazio Atletica con l'Aquila sul petto, scavalco una parete ed entro in griglia, tutte facce di sorridenti, risate e tante, riscaldamento effettuato a suon di musica con lo speaker che ci incita e ci carica, un rapido i. Bocca al lupo e... partenza! La mia bella maglia bianca diventa subito sporca di terra perché si inizia subito con il filo spinato, una cinquantina di metri fatti a strisciare, il fango mi entra dentro al naso e negli occhi, per un attimo non vedo più nulla vado avanti sentendo i passi degli altri, finito mi alzo raccolgo un po' di paglia e me la passo sul viso così da riacquistare un po' di visibilità, si ricomincia ora arrivano i vari ostacoli, flessioni, piegamenti, rampe, corde, muri e panche ed è proprio dalla caduta da una di queste che sento una fitta al torace, sembra una lancia stringo i denti e proseguo. Arriva finalmente la spiaggia, il molo e cosa mi aspetta? Un bel tuffo in mare, faccio un salto e mi immergo, ritorno subito a galla, è quello che ci vuole per togliere il fango da dosso e per riacquistare un pochino di vista,  proseguo, ora ci sono ostacoli diversi, mi avvicino ad altri Spartani, qui un ragazzo mi consegna una palla di cemento che sarà pesata un centinaio di chili all'apparenza, ma in realtà saranno stati venti o poco più, poi è il turno Delle catene, qui mi carico sulla schiena un bel "collare d'acciaio" faccio un centinaio di metri le getto a terra, poi arrivano gli anelli, qui mi sento un piccolo "Juri Chechi de noantri", anche se ho mi è venuto in mente  più di essere Frodo Begghins con il suo anello. Preparo un bel salto, mi aggrappo al primo, passo il secondo ed al terzo perdo la presa e cado in una bella pozza di fango, esco e vado a "pagare" la penalità, trenta burpees, sono piegamenti da effettuare con un salto, finiti riparto. Arriva l'ostacolo più fico di tutti, il "lancio del giavellotto" che poi è una lancia da infilare dentro un sacco di paglia, sembra facile ma è la prima volta che riesco colpire il bersaglio ed ha lasciarlo "stramazzare al suolo", è la prima volta in 4 gare che riesco a far rimanere la lancia appesa. Fiero del mio successo proseguo, vedo l'arrivo, passo un ponte "tibetano" da bravo Spartano vedo un ragazzo aggrapparsi alla trave come se fosse il suo ultimo appiglio, lo sprono, gli do una spinta e riparte, lo supero con agilità, faccio un ultimo salto sui carboni ardenti e taglio il traguardo è rivolgo il dito al cielo fiero e Laziale, come discendente di Enea non posso non partecipare a questa competizione, infatti già il pensiero va alla prossima gara, tra un mese a Taranto per la 21km Beast. Spartani! Arooooo!

995c3c9c 7bdf 43cc 85e8 38ff09a0fd13

Un bel sabato mattina di sport, sole ma soprattutto tanta solidarietà. La SS Lazio Atletica chiama, i suoi tesserati – siano essi istruttori o atleti – rispondono come sempre in modo generoso.

Il ritrovo è alle ore 8:00 con partenza alle ore 10:00, l’evento è formalmente una corsa campestre, un giro da 3,6 KM o per chi vuole due giri per un totale di 7,2 KM nel bellissimo spazio verde della Villa Doria Pamphilj. Accompagnata alla gara “competitiva” una bella passeggiata ludico culturale per il parco.

Ma ovviamente, come spesso accade in queste occasioni, la corsa è solo un pretesto per ritrovarsi insieme per un momento di comunione e solidarietà, a favore di un’organizzazione che da più di 10 anni sostiene uno scopo nobile ed encomiabile. Parliamo ovviamente della Comici Camici (www.comicicamici.it), Cooperativa Sociale ONLUS che, attraverso la figura del clown dottore, opera in diversi contesti sociali e sanitari, accompagnando bimbi ed adulti in quella che probabilmente sarà una sfida molto importante, da affrontare e vincere! Garantiscono con il loro operato supporto della persona e del paziente, sia in contesti sanitari che in ambito sociale, sfruttando le tecniche della comicoterapia.

Gli utili della manifestazione andranno a sostenere la presenza dei clown dottori di Comici Camici all’interno dei reparti pediatrici dell’Ospedale San Camillo di Roma, uno scopo nobile che noi della Lazio non possiamo che sposare ed applaudire.

Una ricca partecipazione Laziale dicevamo, negli atleti master ma anche nei giovani, ma soprattutto nei tecnici che sotto forma volontaria, pur non facendo parte dell’organizzazione ufficiale, hanno prestato servizio nell’organizzare, supportare ed intrattenere i tanti partecipanti – soprattutto i bambini! – intervenuti. 

L’organizzazione parla di numeri importanti: quasi 250 adulti, 65 bambini e 35 partecipanti alla passeggiata ludica culturale, un vero successo per una manifestazione che speriamo possa vedere nuove edizioni alle quali non mancheremo di partecipare.

IMG 2230

Napoli Firenze, 21-24 settembre 2017

Bellissima esperienza quella che ho vissuto in questo fine settimana. 

Da circa 3 anni mi hanno diagnosticato il diabete mellito di tipo 1 (quello autoimmune per intenderci, per il quale non esiste cura ma solo la possibilità di controllare il livello glicemico attraverso quotidiane iniezioni di insulina)

Da quel giorno ho dovuto, gioco forza, documentami moltissimo per conoscere un qualcosa di cui ero totalmente all’oscuro

Ma come si dice in questi i casi : non tutti i mali vengono per nuocere. Pertanto ho avuto modo di conoscere tanti nuovi amici  di cui una buona parte appassionati sportivi e podisti; alcuni di loro da tanti anni combattono con il diabete; nonostante ciò, hanno una vita del tutto normale e prestazioni sportive di tutto rispetto.

In particolare con gli amici dell’ANIAD (associazione nazionale atleti diabetici di cui faccio parte) abbiamo partecipato alla staffetta ciclo-podistica Napoli Firenze.

Un gruppo di ciclisti e un gruppo di podisti in questi 3 giorni si sono dati il cambio partendo da Lungomare di Napoli la notte di giovedi ed arrivando all’Ospedale Pediatrico  Meyer di Firenze domenica pomeriggio 24 settembre percorrendo più di 600 km in soli 3 giorni..

La staffetta è stata ottimamente organizzata dall’associazione toscana http://www.weloveinsulina.it/, presieduta da Iacopo Ortolani, papà di Plinio,  fantastico bambino la cui drammatica storia ha fatto il giro del mondo.

Nel 2009, all’età di soli 18 mesi, Plinio fu coinvolto in una catena di eventi di malasanità (diabete di tipo 1 non prontamente riconosciuto) che lo portarono sulla soglia della morte lasciandolo oggi con gravi disabilità che lo segneranno a vita. 

La drammatica storia, finita anche all’attenzione della stampa e di TV nazionali, è narrata nel libro “La forza che ho dentro” scritto proprio dal papa’ Iacopo Ortolani. 

Il  diabete mellito di tipo 1, è una patologia autoimmune che non si può prevenire ma per la quale il riconoscimento tempestivo dei sintomi è presupposto fondamentale per evitare la morte o danni permanenti. 

Io mi sono agganciato al gruppo a  Tivoli sabato alle 3.30 di mattina (saltando per motivi di lavoro la prima tappa Napoli-Tivoli), alternandomi nella corsa con altri podisiti. 

Scortati da due camper e da due ciclisti abbiamo corso  a buon ritmo quasi 70 km alternandoci e arrivando quasi in prossimità della città di Terni dove i ciclisti erano pronti a raccogliere il nostro testimone per arrivare sabato pomeriggio tutti insieme a Perugia.

Una tappa dura, ma ripagata dalla bella emozione di un ingresso in sfilata di tutto il gruppo nel piazzale dell’ospedale  di Perugia accolti da un folto gruppo di amici festanti.

Dopo una bella serata  perugina allietata da un fiume di birra tanto per reintegrare le forze, abbiamo recuperato le forze con solo 4 ore di sonno (sveglia alle 4.00) tutti belli pronti per affrontare l’ultima tappa: Perugia Firenze passando per lo splendido scenario del lago Trasimeno e per le colline Aretine. Lungo il percorso ci hanno raggiunto anche tanti amici podisti e ciclisti che si sono uniti a noi, alcuno anche solo per pochi km. Alle 15.30 in punto sotto un fortissimo temporale siamo entrati all’ospedale Meyer di Firenze abbracciati da due ali di folla festante che ha abbracciato Plinio e tutto il grupp: zuppi fradici, stanchi ma felici abbiamo terminato la nostra avventura nel migliore dei modi. E’ stato emozionante portare in giro il messaggio #maipiùnessuno: questo significa informare più persone possibili che la diagnosi precoce del diabete non solo ti salva la vita ma ti consente di vivere una vita quasi normale senza grandi difficoltà. Infatti la disinformazione (con la responsabilità a volte della classe medica) può portare a trascurare dei segnali inequivocabili della patologia (es. tanta sete, andare spesso a fare pipi, perdinta di peso, alito fruttato) 

Lo sport e soprattutto lo corsa aiuta tantissimo a tenere i parametri sotto controllo, scarica le tensioni accumulate dalla nostra vita frenetica e soprattutto è l’occasione per passare del tempo in compagnia.

Pertanto l’invito che posso fare a tutti è questo: cercate di portare più gente possibile a fare sport e magari, perché no, a tesserarsi con la SS LAZIO ATLETICA LEGGERA.

 

WhatsApp Image 2017 09 24 at 10.05.50

ATTENZIONE AGGIORNAMENTO IMPORTANTE
Abbiamo selezionato per il viaggio TRENITALIA con questo planning:

  • ROMA TORINO del 14 ottobre, Frecciarossa 9610. Partenza 08.00 arrivo 12.10. Carrozza 8. Posti 11-12
  • TORINO-ROMA del 15 ottobre. Frecciarossa 9575. Partenza 16.20 arrivo 20.55. Carrozza 6. Posti 12-13


Perciò, chiunque voglia stare col gruppo può selezionare questi treni e queste carrozze!!! 

AMICI LAZIALI! Non prendete impegni per il weekend del 14-15 ottobre perché... ANDIAMO TUTTI A TORINO!

Cogliamo la duplice occasione di tifare per i nostri colori nell'anticipo dell'8° giornata di Serie A tra Juventus e LAZIO nel meraviglioso Allianz Stadium prevista appunto per Sabato 14 ottobre alle 18 e poi... Domenica mattina, tutti alla Reggia di Venaria Reale per "Una Corsa da Re", con tre distanze a disposizione: 10, 21.097 e 30K, con una non competitiva di 4K per amici e familiari che volessero unirsi a noi.

Abbiamo fatto un accordo con gli organizzatori che comprende:

  • l'iscrizione alla gara, su qualsiasi distanza;
  • la consegna dei pettorali e dei pacchi gara (gilet antivento) direttamente in hotel;
  • una notte in hotel 4 stelle, al centro, in camera doppia, inclusa di colazione e di late check-out alle 15.00 di Domenica (per consentirci di tornare comodamente per una doccia dopo la gara);

Il tutto al costo di € 94 a persona (l'iscrizione ha un costo tra 25 e 30 euro ed è COMPRESA). I familiari al seguito pagheranno una quota ridotta di € 70.

*** ATTENZIONE! LA SCADENZA DI QUESTA OFFERTA È FISSATA A LUNEDì 25 SETTEMBRE!!! ***

Il trasferimento alla partenza della gara verrà gestito a seconda del numero dei partecipanti.

Per la partita, il biglietto sarà nel settore ospiti e costerà (in attesa di conferma) € 30 e vi comunicheremo nei prossimi giorni le modalità di emissione.

Vi chiediamo intanto di comunicare le vostre adesioni al nostro Giuseppe Vasapollo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. comunicando l'elenco dei partecipanti completo dei dati anagrafici (nome, cognome, luogo e data di nascita), a quali distanze della gara ci si vuole iscrivere e la taglia per il gadget del pacco gara.

La partecipazione è assolutamente APERTA ad amici e familiari, anche di altre società sportive.

LINK al sito dell'organizzatore della gara: http://www.baserunningteam.it/unacorsadare#tab-id-2