Coerentemente con l'impegno continuo della SS Lazio Atletica Leggera ASD di offrire i migliori servizi ai propri atleti registrati, abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

2018 DivisaUfficiale

TESSERAMENTI 2018

È aperta la campagna tesseramenti con la S.S. Lazio Atletica Leggera 2018!

Nuovo o Rinnovo  € 90.00
   
 Pagamento:  Bonifico: IBAN IT93D0503403256000000901900 
 Causale:  Tesseramento 2018 Nome Cognome
 Beneficiario  S.S. Lazio Atletica Leggera
  • 1° TESSERAMENTO
  • Riservato ai nuovi tesserati ed a chi nel 2017 non era tesserato con altre società
  • € 90
  • La quota comprende il tesseramento FIDAL per il 2018 ed il completino ufficiale Macron "aquila stilizzata" realizzato in partnership con la S.S. Lazio
  • Tasse FIDAL incluse
  • ISCRIVITI
  • RINNOVO ANNUALE
  • Riservato a chi nel 2017 era già tesserato con la S.S. Lazio Atletica Leggera
  • € 90
  • La quota comprende il tesseramento FIDAL per il 2018 ed il completino ufficiale Macron "aquila stilizzata" realizzato in partnership con la S.S. Lazio
  • Tasse FIDAL incluse
  • ISCRIVITI
  • TRASFERIMENTI
  • Riservato a chi nel corso del 2017 era già tesserato con altre società
  • € 90 *
  • La quota comprende il tesseramento FIDAL per il 2018 ed il completino ufficiale Macron "aquila stilizzata" realizzato in partnership con la S.S. Lazio
  • * oltre la tassa FIDAL di trasferimento
  • ISCRIVITI

News

E svegliarsi la mattinaaa... du-dudu-dududu... con la voglia di... CORRERE!!!

Certo, poi c'hanno ragione quando ci dicono che tanto tanto normali non siamo... Ma l'Albarace solo chi la corre la capisce e l'ama... Trovate altre spiegazioni?

Dopo una cena da confraternita francescana (non per i contenuti, ma per gli orari) e senza lettura dei vespri, con gli occhi sbarrati sull'orologio ed archiviata anche la pratica Gomorra in tv prendiamo finalmente la via del letto... denti lavati, caricabatterie pronto, tutto a posto... Manca solo Morfeo...

MORFEOOOO? Dove seiii? Eh già, in queste condizioni si fa desiderare l'amico nostro... Intanto aspetta, già che ci sono, fammi girare e guardare il telefono, se la sveglia l'ho impostata bene, perché certo... mica puoi permetterti di non svegliarti alle 3.50 del mattino!!! Manco dovessi prendere un aereo!

MORFEOOOO? Ma 'ndè annato questo... Oh porca zozza!!! Mi sono dimenticato di mettere nella borsa l'asciugamanino!!! Eh, e che torni a casa dopo la gara senza nemmeno sgrossare le perle di sudore? Eddai, che stavolta Morfeo passa...

MOR... No, aspè, diamo un'ultima occhiata alla sveglia... Anzi, inganniamola e mettiamone anche una impostata ad un minuto cosi testiamo se per caso inspiegabilmente l'audio del telefono non fosse andato magari in crash per un improvviso calo di tensione, che ne sai, oh... può capitare eh! No?! Vabbeh, e fatemi controllare lo stesso... Il cambio? L'ho messo? Si... quello si.

MORFEOOOO??? Ahò! Che hai fatto il giro largo stasera??? No, tanto mi servi poco... Alle 3.50 devi andare via, devi evaporare... TENGO L'ALBARACE!!!

♪ ♫ ♩ ♬ Nel cielo biancazzurro brilla una stellaaaa... ♪ ♫ ♩ ♬

ODDIO! Ma che sono già le 3.50?? Voglio mamma... Quasi quasi resto a letto e faccio finta che non m'ha suonato la sveglia... Hmmm... Niente, manco la vocina è stata sufficientemente convincente. Ammazza quanto è buio... Tu guarda se non sbatto il mignolo contro una porta eh... Vai, interruttore trovato! Tutto pronto, gli occhi ancora non si aprono, intanto proviamo a mettere il completino a memoria... Si, possiamo andare, che ora è, le 4... Enrico il mio amico vicino di casa e scemo almeno quanto me tra poco arriva sotto al garage... Dunque, ho preso tutto... CIAO AMORE, VADO ALLA GARA... Ammazza quanto dorme... vabbeh, se ne accorgerà tanto... la scusa delle sigarette da andare a comprare ancora non me la sono giocata, quindi se si sveglia e non mi vede si ricorderà... Usciamo dai, c'ho ancora la vista offuscata però... hmmm... LE LENTI A CONTATTO!!! Ma porca miseria, grazie che c'ho la vista offuscata... Ariapri la porta, tra un po' s'affaccia la vicina insonne per curiosare, le lenti le ho messe, ok, stavolta possiamo andare... Intanto che aspetto Enrico metto in moto l'auto e inizio a fare capolino sulla strada... Ah, ecco Enrico, svizzero e puntuale! 

"Certo che solo due scemi come noi a quest'ora eh?" mi fa... "Due? Ci aspettano altri 2mila come noi, sbrigati che sennò il rituale dei saluti e del caffè non facciamo in tempo a farlo" e mi replica "Ma perché temi di trovare traffico a quest'ora a parte noi e qualche fornaio?" E pure lui ha ragione... 

In meno di 10 minuti siamo già al Foro Italico... tocca parcheggiare al terzo blocco, vedi che siamo in ritardo rispetto agli altri anni quando parcheggiamo a 18 centimetri dallo Stadio dei Marmi? Eh, lo sapevo io... Ma si dai, lascia tutto, andiamo a salutare quelli già arrivati e poi andiamo al bar. 

Nella solita piazzola il nostro Capitan Fabrizio già era li a dispensare pettorali e tshirt... Manco la luce dei lampioni ci aiutava, preso com'era a contare il vil denaro ed a cercare di dare il pettorale giusto all'atleta giusto, "le majette stanno li, guarda quella che te sta mejo"... In fondo ha ragione, ogni volta tutti a lamentarsi se gli dai la taglia teorica e quella azienda la fa più piccola allora gli dovevi dare quell'altra ma la togli a quello più grosso e poi l'azienda è cambiata e le taglie sono al contrario e quindi... Santo Subito Fabrizio nostro! 

Però è strano, sono da poco le 4.20 e siamo già quasi tutti i 70 iscritti e tutti col sorriso... come se fossero le 10 di mattina. Vabbeh, andiamo a prendere il pettorale di Enrico e poi bar. Intanto però incroci gli amici di sempre quindi il tragitto piazzola-bar, di 65 metri, lo percorri in 8'32"44 perché che non ti fermi ad abbracciarli gli amici? 

Dopo un quarto d'ora la frase ormai storicamente e statisticamente più ricorrente, cioè "certo che solo noi siamo cosi scemi ogni anno da vederci qui alle 4 eh", supera quota 100 hits. Altro che i tormentoni estivi. Ma in fondo, niente di più vero. Beh, il caffè ce lo siamo preso, andiamo a completare il giro, metti che è arrivato qualcun altro e ancora non ci siamo salutati... Intanto, ridi e scherza e si sono fatte le 5.15! Fabrizio ha mutato le vesti, ormai mette pure lui sto calzettone bavarese al ginocchio, bah, ancora non l'ho capita io l'utilità, però dicono che funzioni... Francesca ce la siamo consolata ed abbraccicata stretta tutti quanti dopo il suo rientro dal Passatore. "Rocco" Tocci incute sempre terrore negli occhi di tutti quelli a cui passa di spalle... Aho! Si dovesse confondere... Per non sapere ne leggere e ne scrivere io mi poggio con la schiena cementata alla macchina di Fabrizio.

Pure il buon Gianluca "Belfagor" Rosetti sta carico a pallettoni. Mercuri, che lui ormai al Passatore ha preso residenza fissa, sta ingrifato come un coyote e vuole tentare un improbabile riscaldamento... E che te pare... Eh si, e adesso riscaldiamoci pure... Vabbeh, andiamo pure noi va. Aho, ciao, come stai... uè, bentrovato... anvedi e te che fine avevi fatto? Il tour dei saluti continua... In fondo siam 2mila scemi... e bene o male ne conosci si e no che 1950... 

Mi chiama l'amico Valerio Cassetta, di Lazialità... sbiascica qualcosa che somiglia a: "stiamo parcheggiando, c'è pure Guido (De Angelis)"

Tutti in griglia, l'alba ormai s'è fatta. È giorno! E sono pure le 5.30! BBBUMMM! Parte la gara! Ma... sicuri che siamo 2mila? Sembriamo 5mila, passiamo la linea di partenza dopo 3 minuti. Traffico... gente che spinge... imbuto... ci vorrebbero le onde... vabbeh, dai, e fatemi dire una cavolata... Usciamo dal parco, traffico bloccato e via su Ponte Mussolini (si, che volete, si chiamava cosi!), dalle auto gli sguardi ancora addormentati sembravano più increduli come se stessero sognando, me li immagino, quasi li sento gli automobilisti che stavano passando e fermati dalla Municipale col fumetto che dice "ma chi so sti scemi???" SIAMO NOIIIII!!! SVEGLIATI ROMA!!! TI STIAMO CORRENDOOOO!!!

Lungotevere, thump, thump, thump, si sentono i passi... Si sentono però anche i toni, lasciatemelo dire, "cazzeggionici" di questa gara agonistica a classifica autodichiarata, con quelli che la gara la corrono in gruppo, quelli che con la GoPro se la registano tutta... E che pure noi un filmato LIVE su facebook non lo mettiamo? Tanto a quest'ora becchiamo sicuramente almeno il nostro Valentino Casale che da New York starà ancora sveglio... E infatti, eccoti il primo like... è lui! 

Ponte della Musica, senti che umidità stamattina... Via dei Gladiatori... tanto 'ndannamo, ci ripassiamo da qui pure dopo, questo è il passaggio che ci porta sotto Curva Maestrelli. Intorno tutti sorrisi ed ironia mattutina. Qualcuno programma già la sua giornata lavorativa "oggi menomale che c'ho un congresso, cosi mi metto gli occhiali da sole e m'addormo!". Thump, thump, thump, ritorniamo su Via Nigra, la partenza, poi dentro ai Marmi, prima giro dell'anello esterno fuori dallo stadio e poi tutti in pista per il 400 completo, nel corridoio di ingresso e uscita incontri sull'altra rampa gli amici... BATTI IL CINQUE... DAJEEE... FORZA LAZIOOOO... WOOOOOH!!! Però che bello dai! Ritorniamo nel Parco del Foro Italico, diamo una occhiata al Garmin, siamo a 4km e 700... meno di due alla fine, però è umido forte eh... Ma adesso che ci penso, ma che sono venuti a fare Guido e Valerio? Vabbeh, superiamo questo che sono 800 metri che pare che ogni volta che mi sposto da un lato lo percepisce e mi si rimette davanti... in fondo un piccolo allungo mica mi comprometterà la performance tecnica oggi no?! 

Ci siamo, doppia curva a destra e di nuovo su Via dei Gladiatori, tutta dritta, stavolta non si esce più, anzi si entra, dentro l'Olimpico. Ecco il tunnel, la zona mista, quasi con una visione mistica sembra di vedere gli amici che incrocio nel dopo partita. Torna la luce, LA PISTA. Ci siamo! Si gira a destra, si fa la curva e poi il rettilineo sotto la Tevere, la MIA Tribuna Tevere... Giro di boa proprio davanti al mio storico settore, mi mancano i miei amici di stadio. Ormai sono solo 250 metri all'arrivo, di nuovo la curva, ecco... e te pare che una con la maglia di quegli altri non mi si doveva mettere vicina e gridarmi "ROMA! ROMA!" dentro l'orecchio? Ma si dai, oggi siamo tutti fratelli di sudore, che importa (tanto io te l'ho comunque alzata in faccia...), finisce la curva... apriamo la sciarpa e... TRAGUARDO!!! 

Ludovico, mio storico collega speaker mi prende in giro, come sempre quando non faccio coppia con lui al microfono e sono impegnato come atleta in gara... Eh già lui tifa Fiorentina, ancora gongola per quell'ultima giornata. Ma che importa, finito un campionato ne inizia sempre un altro. Uh! Pure Paolo Masini, ma non mi dire che l'ha corsa!!! A saperlo, sto romanistaccio. Si avvicina per salutarmi anche Enrico Castrucci, il Presidente di Maratona di Roma, gli dico di raggiungerci sotto la nord, lui almeno è lazialissimo.

Tutti sotto la nord... No, fermi, un attimo, oggi non hanno schierato i cecchini per non far invadere il prato, anzi, stanno proprio TUTTI sul prato. RAGAZZIIII!!! VENITE CON MEEE!!! Tutti a fare la foto là dove è stata scritta la storia!!! In quello spicchio di area di porta dove Senad Lulic ci regalò quell'immagine immortale. Il bacio sull'erba non può mancare! Vengono tutti, anche tifosi laziali di altre società podistiche a farsi la foto con noi. Tutti sorridenti. Anvedi, Guido sudato! "Ah Giusè, so arrivato tardi, mi sono infilato nel gruppo, ma in realtà v'ho aspettato li fuori e sono entrato direttamente sulla pista... Quant'era? 6km e mezzo? Beh, ho fatto il mezzo sicuro... Però che spettacolo sta gara, il prossimo anno la faccio tutta eh!".

Vai, tutti sotto al tunnel. Andiamo ai Marmi, di nuovo, per fare colazione. Andiamo pure a dichiarare il tempo, mi sono dimenticato dopo il traguardo di fermare il garmin, ma che importa... tanto è uguale. 

Beh, pure oggi, l'abbiamo portata a casa. Andiamocene va, ci aspetta la doccia ed una ricca giornata di lavoro, non prima di risalutare un po' tutti, baci e abbracci grondanti di sudore, ma che ci importa. È sudore benedetto il nostro! Ma che ne sanno... Siamo scemi, scemi totali... scemi tutti... ma siamo bellissimi!!! 

Porca zozza, mo' tocca aspettare un anno per la prossima Albarace...

 

Domenica 29 maggio presso lo Stadio dei Marmi “Pietro Mennea” si è tenuta la manifestazione sportiva “Corri e… Vola”. Il simpatico evento sponsorizzato da Aero Club d’Italia, GNI e Runfest non poteva non richiamare molti atleti. In particolare, destinatari dell’invito erano i giovanissimi dell’atletica, ovvero gli esordienti A, B, C e Ragazzi. Prevista anche una gara dei 3000 m per Allievi, Junior e Promesse uomini. 

Manifestazioni di questo genere hanno l’importante compito di avvicinare i ragazzi sin da piccoli al mondo dello sport. E’ importante infatti farli approcciare con una realtà così bella e genuina come quella dell’atletica leggera e perché no, scovare e coltivare sin da subito i talenti di domani. Di giovani domenica ce ne sono stati molti e ovviamente la rappresentanza della S.s Lazio Atletica Leggera non poteva mancare. Qui di seguito le prestazioni eseguite dai piccoli biancocelesti: 

 300m piani Esordienti maschi 2005/06

  • Mauro Gracefa: 54.8 
  • Valerio Lise: 56.7

Salto in Lungo Esordienti maschi 2005/06

  • Valerio Lise: 3.41

50m piani Esordienti maschi 2005/06

  • Mauro Gracefa: 8.3

60m piani Ragazzi 

  • Matteo Gracefa: 9.5

300m piani Ragazzi

  • Lorenzo Giulio Lise: 47.1
  • Matteo Gracefa: 54.1

Vortex Ragazzi 

  • Lorenzo Giulio Lise: 25.23m

Vortex Ragazze

  • Martina Gracefa: 25.10m

La seconda giornata della Finale dei Cds cadetti/e come la prima, conclusasi con il 3° e l’11° posto (provvisorio!) nella graduatoria rispettivamente per le cadette ed i cadetti, è stata una giornata densa di eventi. La pista del Guidobaldi come nella giornata precedente ha ospitato anche il Campionato Regionale Individuale Junior e Promesse aperto anche ad Allievi, Senior e Master. Il meteo clemente ha regalato una bellissima giornata soleggiata ma leggermente ventosa che tuttavia ha permesso ai giovani atleti biancocelesti di scendere in pista con la giusta tenacia e grinta.

Gli aquilotti, pronti ad attaccare la graduatoria, con l’obiettivo unico di scalare la classifica finale, nell’asta femminile hanno schierato Elena Pierelli. Con la misura di 2.60 m la cadetta ha totalizzato un ampio personale, nella gara precedente si era infatti fermata a 2.20 m. In pedana con lei anche Viola Valeau. Gara un po' meno fortunata per lei che si è fermata alla misura di 1.80 m, farà senz’altro meglio in futuro! Al maschile è Simone Bonanni il portacolori della squadra. Il cadetto classe 2001 con la misura di 2,20 m ha confermato il precedente personale.

Per la categoria Junior/Promesse, Claudia De Cenzo (3,10), Sofia Teloni (2,70), Margherita Vincenzo (2,50) e Vittoria Bruno (2,30) hanno gareggiato nel campionato regionale individuale. In pedana con la fortissima Roberta Bruni (G.S Forestale) hanno onorato i colori della squadra. Nel salto triplo Franca de Oliveira Dieg in una bella gara di livello ha raggiunto la misura di 10,80 m. Un piccolo personale per lui, visto che vantava una misura di 10,76 m, ma che può essere ampiamente migliorato. Al femminile, Chiara Rossi dopo un’interessante progressione, all’ultimo salto centra la misura di 9,54 m, peccato per la compagna di squadra, Eva Morelli che con 4 nulli non è riuscita ad entrare in gara.

Nel salto in lungo è trionfo dell’allievo Marco Cicchetti. Con un salto da 6,46 m ha sbaragliato la concorrenza Junior/Promesse presente in pedana.

I giovani biancocelesti non sono stati da meno neanche nei lanci. Nel martello il cadetto Simone Bonanni è giunto quarto con un lancio da 25,44 m. Avrebbe anche potuto pensare alla terza posizione peccato che dopo il primo lancio non sia più riuscito a migliorarsi. Al femminile portacolori della squadra sono state Gaia Giannino e Lippiello Fabiola. In pedana di lancio le due cadette sono riuscite a lanciare l’attrezzo rispettivamente a 30,59 m e 20,02 m. In una gara dall’elevato contenuto tecnico le due ragazze lasciano ben sperare per il futuro!

Nel giavellotto cadette Irene Collacchioni ha fatto un lancio da 16,25 m seguita dalla compagna di squadra Beatrice Cifri con 10,73 m. Al maschile Massimo Guarino con 31,17 ha centrato il suo miglior lancio al primo tentativo riscrivendo il suo pensale di ben 10 centimetri!

Nello sprint, assenza alla partenza dei 100 hs di Andrea Verginelli, mentre al femminile Beatrice Cifri supera le barriere in 17.46 portando a casa il personale. Nel giro di pista con gli ostacoli la junior Fabiola Calidori con 1:15.39 guadagna la terza posizione. Al maschile Roman Mengoni, nella medesima categoria ma con le barriere a 91 cm ha corso in 1:05.95.

Insoddisfatto l’allievo Davide Scagnoli, che dopo aver corso anche lui il giro di pista, ma con le barriere ad 84 cm conclude in 1:00.06, ci dice :“avrei potuto fare meglio!”.

Nei 200 m per il campionato regionale individuale è Morgana Evangelisti a schierarsi dietro i blocchi di partenza correndo in 27.25, mentre Simone Ianzini, allievo classe 1999 ha corso in 24.56.

Ma è sui 300 piani cadette che giunge la grandissima rivelazione. Dice che non se lo aspettava neanche lei, la giovanissima Ginevra Ricci, classe 2002, ha tagliato il traguardo in 41.82. Un talento da non perdere di vista! Al maschile Giovanni Ricciuti e Lorenzo Petroni hanno corso rispettivamente in 40.91 e 41.64.

Nel mezzofondo bravo Filippo Cattabriga che guadagnando la seconda posizione ha concluso il suo 2000 in 6:05.90 seguito dal compagno di squadra Francesco Gazzina, (6:16.26). Al femminile complimenti ad Eleonora Borzi che ha chiuso in terza posizione con 7:11.92, con lei anche Virginia Cicchetti quinta con 7:18.61. Nel 1200 siepi grande prestazione di Giorgia Forestiero, che con 4:16.52 è arrivata seconda portando preziosi punti alla squadra femminile.

Staffette: 4x100

Cadetti: Ricciuti Giovanni - Guarino Massimo - Franca De Oliveira Dieg - Petroni Lorenzo (49.84), giunti secondi in batteria nella classifica finale sono decimi.

Cadette: Valeau Viola - Rossi Chiara - Mastroianni Camilla - Ricci Ginevra (52.39), quinte in batteria ed ottave nella classifica finale.

Columba Martina - Morelli Eva - Pierelli Elena - Binucci Sara (55.21), quarte in batteria e tredicesime nella classifica finale.

Alla conclusione della due giorni di gare, nella classifica finale del Cds cadetti/e la  squadra femminile ha mantenuto la sua terza posizione, mentre la squadra maschile è riuscita a risalire al 9° posto. Bilancio positivo quindi, gli aquilotti della S.s Lazio Atetica Leggera sono stati davvero bravi. Brave le ragazze, che grintose e determinate hanno saputo difendere la loro posizione e ancor più bravi i ragazzi che hanno risalito la classifica dimostrando che sono una squadra in ascesa e che sta maturando.

Si è disputata oggi sulla pista del Guidobaldi di Rieti la Finale Regionale del Campionato di Società Cadetti/e. Compreso nella manifestazione anche il Campionato Regionale Individuale Juniores e Promesse aperto ad Allievi, Senior e Master.

Quella di oggi, che è stata una bellissima giornata di sole e di sport, ha permesso agli atleti di poter gareggiare in ottime condizioni sia meteo che fisiche. Dunque bilancio positivo per questa prima giornata di finale, dove gli aquilotti della Ss. Lazio Atletica Leggera si sono presentati in pista con le idee chiare: difendere la squadra e mantenere un buon posto in classifica. Una giornata senza ogni dubbio, quella di oggi, densa di gare dove non sono mancati personali e prestazioni degne di nota.

 

I ragazzi bianco celesti si sono infatti fatti valere ed hanno presenziato in gare di alto livello. Nei concorsi, il cadetto Franca De Oliveira Dieg, classe 2002,  ha raggiunto la misura di 1.50 m, mentre al femminile a fare da portacolori della squadra è stata Imperatrice Ilaria, che nella medesima categoria ha fallito il tentativo ad 1.35 m, restando ad 1.30. La compagna di squadra, Binucci Sara non è purtroppo riuscita ad esprimersi al suo meglio restando alla misura di 1.20 m, sebbene vanti un personale di 1.40 m. E’ invece la promessa Crippa Chiara, vincendo con 1.70 m, ad imporsi nella pedana Junior/Promesse.

Non molto facile è stata la gara del salto in lungo cadette. L’incontro altamente competitivo ha visto l’atleta Rossi Chiara esprimersi in un interessante salto da 4.71 m, misura raggiunta dopo due nulli. Invece la compagna di squadra, Camilla Mastroianni al secondo salto, con 4.49m ha festeggiato il personale. Sulla pedana maschile Sferra Alessio ha saltato 4.94 m.

 

Per quanto riguarda i lanci, nel getto del peso categoria cadette, una bravissima Barone Maria Elena, si è qualificata quinta  con la misura di 8.79 m. Un buonissimo personale per lei, che nell’ultima gara aveva scagliato il peso a 7.41m. La compagna di squadra Lippiello Fabiola ha invece raggiunto la misura di 6.19 m. Nella pedana maschile, Noviello Andrea, con 7.92 m è riuscito a portare a casa il personale. Il disco Junior/Promesse ha invece visto Frezza Gianluca lanciare il suo attrezzo a 31.79 m.  In un gara disputata al fianco di professionisti consolidati e non in una delle sue giornate migliori si è comunque saputo difendere. Nel settore cadetti invece, parlando al femminile è Giannino Gaia a stupire. Quinta in classifica e personale raggiunto, con 21.95 m cancella il vecchio primato di 17.59 m. Vale lo stesso per Imperatrice Ilaria, che nella medesima pedana ha anche lei cancellato la sua vecchia misura di 15.45 m attestandosi a 17.79 m.

 

Nei 300 hs cadette per i bianco celesti è scesa in pista Binucci Sara, espressasi in 52.59 secondi, mentre Valeau Viola è stata purtroppo squalificata. Al maschile è Novello Andrea a schierarsi dietro i blocchi di partenza, concludendo la gara in 52.38. Nei 100 m, il vento quasi nullo della giornata odierna ha reso valide tutte le prestazioni. Lo Junior Santi Marco ha corso in 11.58, mentre i due allievi Massi Michael e Laurenti Jacopo William hanno fermato il cronometro rispettivamente a 12.54 e 12.56. Negli 80 piani cadetti, il portacolori della squadra Ricciuti Giovanni sulla pista blu di Rieti è riuscito a ottenere il suo personale. Dal 10.22 del 12 maggio scorso è sceso a 10.12 secondi. Al femminile stupisce Ricci Ginevra con un interessante 10.55, brava anche la sua compagna di squadra Columba Martina con 11.59. Nel giro di pista si è invece cimentata Chericoni Assia, che ha concluso la distanza dei 400 m in 1:03.95.

Per D’Alessio Raoul è personale sui 1000 m cadetti. Con 2:50.57 ha migliorato la precedente prestazione, mentre Tortorolo Rocco ha corso in 2:53.94. Al femminile Forastiero Giorgia con 3:09.96 ha tagliato il traguardo in terza posizione, correndo sui suoi migliori tempi, seguita dalla compagna di squadra Borzi Eleonora con 3:19.14.

 

Per quanto riguarda la marcia, le cadette Passeri Valeria e Raschiatore Chiara nella 3 km sono giunte rispettivamente terza e quarta, con 17:32.50 e 17:37.84.


Alla conclusione di questa prima giornata del CDS Cadetti/e la squadra femminile della S.s Lazio ha guadagnato un buon 3° posto nella graduatoria della finale che domani dovrà assolutamente difendere mentre i maschi sono per ora all’11° posizione. Domani si ritorna in pista e si farà sicuramente meglio!