Coerentemente con l'impegno continuo della SS Lazio Atletica Leggera ASD di offrire i migliori servizi ai propri atleti registrati, abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

2018 DivisaUfficiale

TESSERAMENTI 2018

È aperta la campagna tesseramenti con la S.S. Lazio Atletica Leggera 2018!

Nuovo o Rinnovo  € 90.00
   
 Pagamento:  Bonifico: IBAN IT93D0503403256000000901900 
 Causale:  Tesseramento 2018 Nome Cognome
 Beneficiario  S.S. Lazio Atletica Leggera
  • 1° TESSERAMENTO
  • Riservato ai nuovi tesserati ed a chi nel 2017 non era tesserato con altre società
  • € 90
  • La quota comprende il tesseramento FIDAL per il 2018 ed il completino ufficiale Macron "aquila stilizzata" realizzato in partnership con la S.S. Lazio
  • Tasse FIDAL incluse
  • ISCRIVITI
  • RINNOVO ANNUALE
  • Riservato a chi nel 2017 era già tesserato con la S.S. Lazio Atletica Leggera
  • € 90
  • La quota comprende il tesseramento FIDAL per il 2018 ed il completino ufficiale Macron "aquila stilizzata" realizzato in partnership con la S.S. Lazio
  • Tasse FIDAL incluse
  • ISCRIVITI
  • TRASFERIMENTI
  • Riservato a chi nel corso del 2017 era già tesserato con altre società
  • € 90 *
  • La quota comprende il tesseramento FIDAL per il 2018 ed il completino ufficiale Macron "aquila stilizzata" realizzato in partnership con la S.S. Lazio
  • * oltre la tassa FIDAL di trasferimento
  • ISCRIVITI

Domenica 20 maggio 2018, la sveglia suona presto stavolta, ma le aquile della Lazio Atletica Leggera, devono avere la loro “casa” montata e pronta ad accoglierle al loro arrivo al villaggio Race del Circo Massimo.

La Race for the Cure è la più grande manifestazione per la lotta ai tumori del seno in Italia e nel mondo. L’evento è organizzato dall’Associazione Susan G. Komen Italia, che utilizza i fondi raccolti dal progetto, per realizzare programmi di Prevenzione a sostegno delle donne.

Alle 07:00, arrivo al Circo Massimo e con Giancarlo Laurenzi ed Emanuela Cancellieri, cerchiamo il punto più visibile nello spazio riservato alle squadre e cominciamo a disporre il tutto. Dopo qualche impaccio iniziale, il gazebo gonfiabile più bello del circuito dei runner romani prende forma, e l’aquila della SS Lazio Atletica Leggera spiega le sue ali sotto un cielo biancoceleste.

Dopo poco cominciano ad arrivare i nostri atleti ed Emanuela, purtroppo temporaneamente a riposo, comincia a distribuire i pettorali di gara, accompagnando il gesto con un sorriso ed una battuta per ognuno di loro.

I primi ad arrivare si stanno già riscaldando sul “biscotto” di Viale delle Terme di Caracalla e tra un abbraccio e qualche foto ricordo, mentre l’odore inconfondibile dell’olio canforato si spande nell’aria, tutti svestiamo la tuta. Tutti pronti, ci inoltriamo tra le tantissime persone che hanno invaso il villaggio Race (si parla di circa 70.000 presenze in totale, inclusi gli iscritti alla gara non competitiva) per raggiungere le griglie di partenza. Dopo qualche allungo davanti la Bocca della Verità, Alexandra, Mirko ed Emanuele, prendono posto in prima fila tra i top runner, dietro di loro tutte le altre 32 aquile sono pronte a prendere il via della gara competitiva di 5km. Per me, sarà una gara un po' speciale, la prima che correrò al fianco di mia figlia Elisa Pezzella di 13 anni, entrambi con la bellissima canotta con l’aquila stilizzata sul petto. Alle 10 puntuali si parte ed una folla festante e colorata, dove spiccano le coraggiose “donne in rosa”, riempie via Petroselli in direzione del Teatro Marcello. All’altezza di Piazza Venezia, i turisti ci salutano e ci incitano e dopo aver percorso un tratto di via dei Fori Imperiali, saliamo per via Cavour, raggiungiamo il Colosseo e sfiliamo verso viale delle Terme di Caracalla dove incrociamo con lo sguardo, i velocissimi Mirko Cavasini ed Emanuele Conti, giunti già al traguardo; chiudono rispettivamente sesto e quindicesimo in classifica assoluti, affiancando con la loro grande prestazione, il terzo posto di categoria di Alexandra Levchuk (74° assoluta). La salita successiva ci porta alle spalle dello Stadio Nardo Martellini e rapidamente raggiungiamo anche noi il traguardo.

Tornati al gazebo della SS Lazio Atletica Leggera, troviamo ad attenderci Emanuela che ha tagliato il ciambellone e ci racconta di quante persone sono passate anche solo per una foto con lo sfondo dell’aquila; beh, qualcuno ha esagerato, cercando di fotografare anche il tatuaggio sulla caviglia di Emanuela.

Dopo l’immancabile accesso al sito TDS per i risultati ufficiali ed i saluti, piano piano i nostri atleti lasciano il Circo Massimo ed anche la folla festosa comincia a defluire. Rimaniamo io e Mauro Boschetti, che si presta come modello per le foto di bimbi e mamme biancocelesti (qualcuna lo scambia addirittura per un calciatore…), mentre io cerco di reclutare nuovi iscritti, in attesa che Alexandra ritiri il suo meritato premio. 

Insieme ad Alexandra, alle 14 circa sgonfiamo il gazebo e lo carichiamo in auto, pronto per la prossima avventura al fianco delle aquile biancocelesti. 

"È nei luoghi dove si sospendono gli obiettivi e le esigenze della vita che si trovano cose che vale la pena di fare" scrive Mark Rowlands, filosofo inglese docente nelle università americane e podista. "Viviamo in un'epoca utilitaristica, in cui si tende a pensare al valore di ogni cosa in funzione del suo scopo. Lo scopo e il valore della corsa sono semplicemente insiti nell'atto di correre. La corsa è uno degli spazi in cui cessano gli scopi. È, dunque, una delle cose in grado di rendere la vita degna di essere vissuta".

Grazie a tutti gli amici della SS Lazio Atletica Leggera, una grande famiglia che raccoglie tanti atleti appassionati, ma soprattuto amici veri.

Sesto posto assoluto societario con 37 tra aquilotte ed aquilotti impegnati in questo ormai tradizionale appuntamento sulle strade del centro storico della Capitale.

6° posto assoluto per Mirko Cavassini in 16'46" e 6° posto assoluto anche per Alexandra Levchuk in 19'27".

Giornata baciata dal sole e molto calda per l'appuntamento annuale con la sensibilizzazione sulla prevenzione del tumore al seno, la gara organizzata dalla Komen come al solito ha fatto il boom di presenze (insieme alla Fun Run della Maratona di Roma è l'evento non agonistico più partecipato d'Italia) ed altrettanto importante è stata la gara ufficiale con 1219 atleti al traguardo.

Ed ecco la top 10 biancoceleste:

RFTC2018

Dopo le fatiche di ieri sera nella massacrante campestre nell’isola di Ninfa, non potevo mancare, seppur a poco più di 15 ore di distanza, ad una gara dal nome intrigante e misterioso.

Il nostro Ospite, o se preferite, padrone di casa, per il quinto anno consecutivo, ha organizzato nella sua Casa Famiglia, un Cross Country della distanza di 7,5 km. 

Il mitico “Capitano Ultimo”, quello vero, non l’attore Raul Bova (mi spiace per il gentil sesso) in una rara uscita pubblica, occultando debitamente il viso per ovvie ragioni di sicurezza, ci ha salutato e ringraziato a fine gara. 

Questo è stato il momento clou della mattinata, insieme all’ingresso di un Falco dell’allevamento della Tenuta che, con le dovute differenze, mi ha ricordato la nostra Olympia.

Lo scenario è quello agreste, la fattoria pur essendo collocata all’interno del raccordo e a due passi dalla frenetica Prenestina, è un’isola verde e silenziosa.

Allo Start, 4 Atleti a rappresentare, difendere e onorare la maglia della SS Lazio Atletica Leggera: oltre al sottoscritto, i due Natalini, Paolo ed Andrea e Francesco De Angelis.

La mia partenza è stata fulminea, in queste gare è fondamentale partire avanti, e dopo il primo chilometro ero con il gruppo di testa anche se le posizioni cominciavano già a delinearsi. Strappi, cambi di terreno, curve a gomito, il caldo che cominciava a farsi sentire…la selezione era già a buon punto.

Ma quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare, almeno così si dice. 

Ho vinto un paio di duelli a sportellate con un avversario, poi ho dovuto fare un sorpasso in apnea poichè l’atleta che mi precedeva aveva probabilmente fatto colazione con l’aglio. Poi ad un certo punto ho sentito una frustata sugli stinchi, da parte di una pianta, che più tardi riuscirò sicuramente ad identificare, visto che ora ho la gamba come se fosse la sacra sindone. 

Ho ceduto una posizione sugli ultimi 300 metri poiché, come al solito, non resisto al richiamo affascinante dell’obiettivo fotografico, ma per fortuna non mi è costato il terzo posto di categoria, arrivando comunque 18° assoluto.

Dall’Oasi di Ninfa alla Tenuta della Mistica, due gare in 15 ore, ottavo e terzo di categoria, ma non è questo che per me è importante quanto  indossare questa maglia, quella per cui lottiamo, la nostra seconda pelle, fiero e spavaldo come tutti i fratelli biancocelesti… Avanti Lazio!

Anche quest'anno la S.S. Lazio Atletica Leggera scende in campo con gli amici di Comici Camici per la Run più buona  della Capitale. Una corsa campestre non competitiva ed una gara di velocità per i ragazzi  per una giornata di sport e solidarietà all'insegna del motto "la salute viene ridendo" ed anche un po' correndo.Anche quest'anno la S.S. Lazio Atletica Leggera scende in campo con gli amici di Comici Camici per la Run più buona  della Capitale. Una corsa campestre non competitiva ed una gara di velocità per i ragazzi  per una giornata di sport e solidarietà all'insegna del motto "la salute viene ridendo" ed anche un po' correndo.Sabato  19 maggio alle ore 10.00 a villa Pamphilj torna la corsa del cuore.