Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

2018 DivisaUfficiale

TESSERAMENTI 2018

È aperta la campagna tesseramenti con la S.S. Lazio Atletica Leggera 2018!

Nuovo o Rinnovo  € 90.00
   
 Pagamento:  Bonifico: IBAN IT28F0311139242000000092571 
 Causale:  Tesseramento 2018 Nome Cognome
 Beneficiario  S.S. Lazio Atletica Leggera
  • 1° TESSERAMENTO
  • Riservato ai nuovi tesserati ed a chi nel 2017 non era tesserato con altre società
  • € 90
  • La quota comprende il tesseramento FIDAL per il 2018 ed il completino ufficiale Macron "aquila stilizzata" realizzato in partnership con la S.S. Lazio
  • Tasse FIDAL incluse
  • ISCRIVITI
  • RINNOVO ANNUALE
  • Riservato a chi nel 2017 era già tesserato con la S.S. Lazio Atletica Leggera
  • € 90
  • La quota comprende il tesseramento FIDAL per il 2018 ed il completino ufficiale Macron "aquila stilizzata" realizzato in partnership con la S.S. Lazio
  • Tasse FIDAL incluse
  • ISCRIVITI
  • TRASFERIMENTI
  • Riservato a chi nel corso del 2017 era già tesserato con altre società
  • € 90 *
  • La quota comprende il tesseramento FIDAL per il 2018 ed il completino ufficiale Macron "aquila stilizzata" realizzato in partnership con la S.S. Lazio
  • * oltre la tassa FIDAL di trasferimento
  • ISCRIVITI

Napoli Firenze, 21-24 settembre 2017

Bellissima esperienza quella che ho vissuto in questo fine settimana. 

Da circa 3 anni mi hanno diagnosticato il diabete mellito di tipo 1 (quello autoimmune per intenderci, per il quale non esiste cura ma solo la possibilità di controllare il livello glicemico attraverso quotidiane iniezioni di insulina)

Da quel giorno ho dovuto, gioco forza, documentami moltissimo per conoscere un qualcosa di cui ero totalmente all’oscuro

Ma come si dice in questi i casi : non tutti i mali vengono per nuocere. Pertanto ho avuto modo di conoscere tanti nuovi amici  di cui una buona parte appassionati sportivi e podisti; alcuni di loro da tanti anni combattono con il diabete; nonostante ciò, hanno una vita del tutto normale e prestazioni sportive di tutto rispetto.

In particolare con gli amici dell’ANIAD (associazione nazionale atleti diabetici di cui faccio parte) abbiamo partecipato alla staffetta ciclo-podistica Napoli Firenze.

Un gruppo di ciclisti e un gruppo di podisti in questi 3 giorni si sono dati il cambio partendo da Lungomare di Napoli la notte di giovedi ed arrivando all’Ospedale Pediatrico  Meyer di Firenze domenica pomeriggio 24 settembre percorrendo più di 600 km in soli 3 giorni..

La staffetta è stata ottimamente organizzata dall’associazione toscana http://www.weloveinsulina.it/, presieduta da Iacopo Ortolani, papà di Plinio,  fantastico bambino la cui drammatica storia ha fatto il giro del mondo.

Nel 2009, all’età di soli 18 mesi, Plinio fu coinvolto in una catena di eventi di malasanità (diabete di tipo 1 non prontamente riconosciuto) che lo portarono sulla soglia della morte lasciandolo oggi con gravi disabilità che lo segneranno a vita. 

La drammatica storia, finita anche all’attenzione della stampa e di TV nazionali, è narrata nel libro “La forza che ho dentro” scritto proprio dal papa’ Iacopo Ortolani. 

Il  diabete mellito di tipo 1, è una patologia autoimmune che non si può prevenire ma per la quale il riconoscimento tempestivo dei sintomi è presupposto fondamentale per evitare la morte o danni permanenti. 

Io mi sono agganciato al gruppo a  Tivoli sabato alle 3.30 di mattina (saltando per motivi di lavoro la prima tappa Napoli-Tivoli), alternandomi nella corsa con altri podisiti. 

Scortati da due camper e da due ciclisti abbiamo corso  a buon ritmo quasi 70 km alternandoci e arrivando quasi in prossimità della città di Terni dove i ciclisti erano pronti a raccogliere il nostro testimone per arrivare sabato pomeriggio tutti insieme a Perugia.

Una tappa dura, ma ripagata dalla bella emozione di un ingresso in sfilata di tutto il gruppo nel piazzale dell’ospedale  di Perugia accolti da un folto gruppo di amici festanti.

Dopo una bella serata  perugina allietata da un fiume di birra tanto per reintegrare le forze, abbiamo recuperato le forze con solo 4 ore di sonno (sveglia alle 4.00) tutti belli pronti per affrontare l’ultima tappa: Perugia Firenze passando per lo splendido scenario del lago Trasimeno e per le colline Aretine. Lungo il percorso ci hanno raggiunto anche tanti amici podisti e ciclisti che si sono uniti a noi, alcuno anche solo per pochi km. Alle 15.30 in punto sotto un fortissimo temporale siamo entrati all’ospedale Meyer di Firenze abbracciati da due ali di folla festante che ha abbracciato Plinio e tutto il grupp: zuppi fradici, stanchi ma felici abbiamo terminato la nostra avventura nel migliore dei modi. E’ stato emozionante portare in giro il messaggio #maipiùnessuno: questo significa informare più persone possibili che la diagnosi precoce del diabete non solo ti salva la vita ma ti consente di vivere una vita quasi normale senza grandi difficoltà. Infatti la disinformazione (con la responsabilità a volte della classe medica) può portare a trascurare dei segnali inequivocabili della patologia (es. tanta sete, andare spesso a fare pipi, perdinta di peso, alito fruttato) 

Lo sport e soprattutto lo corsa aiuta tantissimo a tenere i parametri sotto controllo, scarica le tensioni accumulate dalla nostra vita frenetica e soprattutto è l’occasione per passare del tempo in compagnia.

Pertanto l’invito che posso fare a tutti è questo: cercate di portare più gente possibile a fare sport e magari, perché no, a tesserarsi con la SS LAZIO ATLETICA LEGGERA.

 

WhatsApp Image 2017 09 24 at 10.05.50

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna